Io prima di te … lo consiglio?

Per chi ha conosciuto Emilia Clark grazie al Trono di Spade, come me, vederla in questo film sarà una rivelazione. Viso sorridente (fin troppo a volte), occhioni da cerbiatto, vestiti improbabili e tanta allegria. L’opposto della nostra amata Daenerys Targaryen. Anche Lou, la protagonista di Io prima di te, è costretta ad affrontare grandi sfide, umane stavolta, ben più grandi di draghi inferociti, conquiste di territori lontani e guerre sanguinose.

Emilia stavolta deve fare i conti con il destino, con le casualità e la durezza della vita. Assistere una persona disabile, impossibilitata a muovere gran parte del corpo, cercare di garantirgli una vita dignitosa e di fargli tornare il sorriso nonostante tutto. Le cose si complicano se la persona in questione è un giovane ragazzo, rampollo di una famiglia molto facoltosa, abituato alla bella vita e a godere a pieno di ogni agio.

download

La morale è sempre quella del carpe diem, vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo.   Altro tema, scontato, quello de I soldi non fanno la felicità.

Poi entra in gioco il fattore umano, la maturità di una persona che nonostante la giovane età, per non pesare sulle spalle dei genitori, per non ricordare i bei tempi andati e consapevole di non poterli mai più rivivere, per non far soffrire chi gli sta vicino, ma fondamentalmente per un forte senso di egoismo, decide di prendere la strada dell’eutanasia. Tema tanto controverso, procedura criticata da molti, rispettata da altri.

Dal film si evince una forte volontà del protagonista di finirla lì, di vivere 6 mesi nella consapevolezza di quello che avrebbe abbandonato per sempre, di concedere del tempo ai suoi genitori per rendersi conto del futuro al quale sarebbero andati incontro privati ingiustamente del loro unico ed amato figlio, per make the most del tempo che gli resta e per aprire finalmente il suo cuore con umile sincerità alla persona che lo ha aiutato e sostenuto.

Non voglio entrare nel merito dell’eutanasia giusta o sbagliata, perché a mio avviso gli unici che possono davvero giudicare (ma che purtroppo non potranno mai farlo) sono i diretti interessati, sono le persone che mosse da un sentimento forte e da una grande forza di volontà, decidono di intraprendere quella strada. L’unica cosa che posso dire è che ci vuole coraggio, ce ne vuole tanto; ma sono anche sicura che, arrivare ad una consapevolezza simile, significa aver sopportato grandi sofferenze, non riconoscersi più nella propria persona e/o nella propria vita, decidere di spegnersi nella speranza di un Bene superiore, resta solo una scelta della singola persona.

Ovviamente, nel massimo della scontatezza, la clinica che aiuterà Will nel suo volere si trova in Svizzera, in una bellissima villa, immersa nel verde, arredata con gusto Shabby Chic (perché deve essere davvero fondamentale), con grandi finestre che danno su giardini curati nel dettaglio pieni di gioiosi uccellini canterini (anche loro devo dire, fondamentali). Una volta entrati sembra già di essere in paradiso: mura bianche, pavimenti bianchi, arredamento rigorosamente bianco, lenzuola profumate e bianche. Queste cliniche sono come una sorta di grandi anticamere.

Il finale si sa, sarà triste, ma allo stesso tempo dal risvolto dolce. C’è una persona che se ne va, ma un’altra che rinasce, cambia vita (rigorosamente in meglio e a Parigi) e guarda al futuro con un mega sorriso, quello di Emilia Clark.

Parliamo di un film scontato? Sì.

Parliamo di un film romantico? Sì.

Parliamo di un film drammatico? Sì.

Parliamo di vita, amore, forza d’animo ed egoismo? Anche.

Annunci

Un pensiero riguardo “Io prima di te … lo consiglio?

  1. Ciao! Ho letto sia i due libri che visto il film. Ho trovato il romanzo (il primo) stupendo ammetto di aver pianto come una fontana, il secondo invece è stato lento fino alle ultime 20 pagine in cui ho ritrovato un po’ di quelle emozioni che ci aveva dato l’altro. Il film è stata una fedele rappresentazione del libro (stranamente perché di solito tendono a stravolgerli) ma si come hai sottolineato tu è la classica storia d’amore strappalacrime, ma che vale la pena vedere!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...